Le mandorle alleate della linea e del cuore

lunedì, 07 giugno 2021 / Pubblicato in Nutrizione
Le mandorle alleate della linea e del cuore

Le caratteristiche di questo prodotto sono state studiate approfonditamente dai ricercatori dell’Università di Toronto, in Canada. Hanno pubblicato sulla prestigiosa rivista Mayo Clinic Proceedings  uno studio che conferma che le calorie reali sono inferiori del 20% rispetto a quelle teoriche, quando si tratta di assorbimento nel corpo umano.
Il risultato evidenzia che parte dei grassi presenti non sono assorbibili dall’organismo e le calorie che risultano dai calcoli in vitro non sono le stesse che il corpo accumula quando assume mandorle.
Lo studio ha coinvolto 22 persone di entrambi i sessi che avevano alti livelli di colesterolo e che per questo dovevano sottoporsi a una dieta. A tutti è stato chiesto di mangiare ogni giorno per un mese 75 grammi di mandorle, cui seguiva, dopo una settimana di pausa, un altro mese in cui dovevano consumare mezza porzione di mandorle e mezza di un muffin formulato in modo tale da avere le stesse calorie ufficiali, lo stesso contenuto di grassi, proteine e di fibre. In seguito, per un altro mese (sempre dopo una sospensione di una settimana) i partecipanti dovevano mangiare solo il muffin intero, senza mandorle, per avere valori di controllo.

Nei diversi momenti dello studio sono state effettuate dettagliate indagini sul contenuto in acidi grassi delle feci e del sangue dei soggetti, e sono state realizzate anche delle misurazioni di quello energetico nelle feci. Parallelamente, le medesime analisi sono state compiute sulle mandorle e sui muffin, e in questo modo è emersa la differenza. Infatti, la biodisponibilità energetica associata alle mandorle è risultata essere il 78% di quella stabilita al di fuori dell’organismo, e ciò significa che le calorie effettivamente assunte con le mandorle sono inferiori di più del 20% rispetto al valore teorico. Lo stesso si è visto analizzando le singole classi di acidi grassi: rispetto ai grassi presenti nel muffin, quelli assorbiti con le mandorle sono risultati inferiori del 5,1% per la mezza dose, e del 6,3% per quella intera. 

Se le calorie mancanti non sono rimpiazzate da altre, assumendo che si segua una dieta da 2-3 mila calorie al giorno, in un anno si possono perdere da 2,9 a 6,3 kg di peso, se ogni giorno si consumano 75 grammi di mandorle. Tutto ciò è ritenuto importante proprio per chi, come i partecipanti allo studio, deve intervenire sulla dieta per modificare il profilo dei grassi nel sangue.

Share Condividi su:   Facebook share button Twitter share button


SU