Il triptofano nella carne di tacchino aiuta a controllare i sintomi della celiachia

domenica, 13 dicembre 2020 / Pubblicato in Nutrizione
Il triptofano nella carne di tacchino aiuta a controllare i sintomi della celiachia

Il triptofano è un amminoacido presente in quantità elevate nella carne di tacchino, insieme ad alcuni probiotici, può aiutare le persone con celiachia a rispondere meglio a una dieta priva di glutine.
I risultati dello studio hanno evidenziato il potenziale valore terapeutico di prendere di mira il metabolismo del triptofano nell’intestino nella malattia celiaca per controllare meglio i sintomi e accelerare la guarigione intestinale.
Il triptofano è necessario per molte funzioni del corpo e può essere scomposto dai batteri nell’intestino, producendo molecole bioattive (chiamate “metaboliti”) che interagiscono con i recettori nel rivestimento intestinale che controllano l’infiammazione. Uno di questi recettori è il recettore degli idrocarburi arilici o AhR e l’attivazione non ottimale di questo recettore è stata implicata nell’infiammazione intestinale cronica, comprese le malattie infiammatorie intestinali come la colite ulcerosa e il morbo di Crohn.

I ricercatori hanno studiato tre gruppi: pazienti con malattia celiaca attiva, pazienti due anni dopo una dieta priva di glutine e persone sane.
I pazienti celiaci avevano evidenza di un metabolismo batterico inferiore del triptofano e il loro microbiota intestinale non stimolava adeguatamente la via AhR che controlla l’infiammazione e protegge la barriera intestinale.
Queste alterazioni sono state parzialmente migliorate nei pazienti dopo due anni di dieta priva di glutine. 
Futuri studi clinici esaminerebbero strategie terapeutiche, come l’integrazione di triptofano in combinazione con probiotici specifici che producono ligandi di AhR dalla dieta, nei pazienti celiaci che non rispondono alla dieta priva di glutine.

Fonte: McMaster University

Share Condividi su:   Facebook share button Twitter share button


SU